Come Funziona la Dieta Americana

Si tratta di uno schema alimentare di 3 soli giorni, intervallato da 4 giorni di “riposo”. Al bisogno può essere ripetuta per un mese intero. Nata per far dimagrire velocemente i malati di cuore in sovrappeso, è stata presto scoperta anche dalle persone senza particolari problemi di salute per la sua efficacia. Permette infatti di perdere molti chili in tempi brevi. Lo schema è leggermente iperproteico, privilegia le proteine rispetto ad altri nutrienti come carboidrati o grassi. Questo determina un ulteriore aumento del metabolismo.

Le proteine, infatti, sono sostanze molto complesse, che impiegano anche 10-12 ore per essere assimilate: per digerirle e assorbirle, quindi, il metabolismo può aumentare la sua attività fino al 70 per cento. Non solo: impegnando intestino e stomaco per molte ore, facendo durare la sensazione di sazietà a lungo.

Combinazioni vincenti
La dieta americana deve la sua efficacia alla combinazione precisa fra alcuni alimenti. E’ per questa ragione che non è possibile scambiare il pranzo con la cena o una portata con l’altra. Infatti, è solo combinando le proteine con i cereali a colazione e a pranzo, e con le vitamine e i grassi a cena che si provoca l’effetto voluto: il metabolismo, cioè l’insieme dei processi chimici che consentono di trasformare il cibo in energia, diventa più attivo rispetto ai normali standard e quindi in grado di bruciare meglio i grassi in eccesso.

Il programma
La dieta va seguita per 3 giorni. Nei successivi 4 giorni si può ritornare a mangiare normalmente. Si perdono così 2-3 chili. Chi deve perdere ancora peso può ripetere lo schema 3+4 per 4 settimane. Perchè il programma abbia successo, nell’arco della giornata è fondamentale rispettare la successione dei pasti e mangiare tutto ciò che è indicato nei menù, senza nessuna variazione. er quanto riguarda i condimenti sono concessi soltanto sale, pepe ed erbe aromatiche. Vietati olio e burro, ad eccezione del burro di arachidi da spalmare sul pane. Al posto dello zucchero si può utilizzare il dolcificante. Infine occorre bere almeno 2 litri di acqua al giorno.