Come Funziona il Trucco Permanente

Di recente sono sempre più numerose le donne che fanno ricorso al trucco permanente. Un’escamotage che consente di essere sempre impeccabili anche se si ha poco tempo a disposizione e non si ha molta dimistichezza con ombretti e pennelli. Labbra perfettamente delineate, sopracciglia sempre in ordine e sguardo perennemente incorniciato da una linea di kajal. Insomma, col trucco permanente, l’estetista vi propone una soluzione che vi consentirà, grazie ad una tecnica semplice ma mirata, di avere un viso “disegnato” proprio come lo avete sempre sognato.

Attente però a intervenire solo quando ne siete pieamente sicure. Essendo un trattamento non del tutto definitivo, ma comunque della durata di due anni, questo genere di make-up richiede la massima convinzione. L’estetista infatti, dopo aver verificato la presenza di eventuali allergie, vi inietterà sottopelle, dei pigmenti che contribuiranno a valorizzare alcuni lineamenti o caratteristiche del volto rispetto ad altre.

Se ad esempio avete delle sopracciglia rade e poco definite, grazie al trucco permanente potete colmare gli spazi vuoti e delineare i contorni, ridisegnandole. Essendo la cornice del vostro sguardo, il sopracciglio va infatti truccato con accuratezza, per valorizzare ancora di più il trucco occhi. Se invece vi ritrovate labbra dai contorni poco definiti e irregolari, potete ritracciare i contorni con questi pigmenti colorati, di una tonalità che sia analoga a quella delle vostre labbra.

In tal caso però, dovete far riferimento anche alla nuance di rossetto che generalmente amate indossare. L’unico aspetto negativo? Dovete ricordarvi che in questo modo il vostro maquillage quotidiano, sarà più agevole e definito, ma molto più statico. Se desiderate infatti cambiare spesso il colore del rossetto, questa soluzione non fa certo al caso vostro.

Scegliete con accuratezza il centro estetico a cui affidarvi, assicurandovi che operi nella massima sicurezza rispettando le norme basilari di igiene e rifletteteci bene, prima di sottoporvi al trattamento.